Andrea Molesini

Previous
Next

Prima luce

Adelphi 2001, pp. 165, EURO 16,53

Prima luceNel Middle English “bounty” significa bontà e generosità, e in contesto poetico il suo senso si estende a “liberalità”; viene dal francese antico bonté, a sua volta derivato dal latino bonitas, da bonus. Dal balcone Giulietta dichiara a Romeo: “My bounty is as boundless as the sea” , pentametro di icastica pregnanza, che fonde l’idea di ricchezza (bounty) a quella di apeiron (boundless, senza confine), sfruttando il sigillo del suono bount(d). Il significato moderno di “ricompensa in denaro” – soprattutto nel senso di “taglia”, o di “bottino” – nasce nei primi decenni del secolo Diciottesimo. Il suo senso di “generosità”, o “abbondanza” e di “dono” (the bounties of nature) è oggi relegato quasi esclusivamente al contesto letterario. Aggiunge suggestione alla parola l’alone semantico che la lega alla pratica della pirateria (dunque anche alla storia dei Caraibi) e ancor più, forse, al mestiere del bounty hunter, il cacciatore di taglie.
Il bounty hunter era, in origine, il cacciatore di schiavi fuggiaschi, un mestiere che conobbe grande fortuna a ridosso e durante la guerra civile americana, e che ha lasciato nella lingua inglese una eco di sgomento legata al terrore dello schiavo braccato. Questa connotazione della parola è significativa anche quando, con la maiuscola e in corsivo, si riferisce alla nave britannica che nel 1789 fu teatro dell’ammutinamento guidato da Fletcher Christian contro il comandante William Blight, che venne abbandonato alla deriva su una scialuppa con i diciotto marinai rimastigli fedeli.
Un titolo difficile da tradurre, The Bounty. Il dono – titolo della prima poesia, dedicata alla madre – potrebbe, forse, sembrare la scelta più naturale; ci è parso invece necessario, per riprodurre il gorgo degli echi suscitati dalla parola, non indicare una sola delle sue facce, ma evocarne la forza citando un motivo che attraversa tutto il libro, la sua corrente sotterranea: la prima luce del giorno.

dalla Postfazione di Andrea Molesini

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks